Studio Marino

Consulenza del Lavoro


facebook
linkedin
pinterest

Per informazioni:  0931 521317 - 3333979048

Studio

Marino CdL

Le nostre News

320

Top 10 News

Ricerca News

07/02/2019, 12:13



News-Regime-Contabile-Forfettario


 



MODIFICHE AL REGIME FORFETTARIO - Legge di Bilancio 2019 - Articolo 1, commi da 9 a 11 Legge n. 145, del 30 dicembre 2018

Interessanti novità sono stabilite per il regime forfettario, il quale viene esteso ai contribuenti con ricavi o compensi fino a 65.000 euro. Viene modificato solo il requisito dei compensi o ricavi, eliminando gli altri requisiti di accesso prima previsti (relativi, in particolare, alle spese per l’impiego dei lavoratori e al costo complessivo dei beni strumentali).
Attenzione: Il regime forfettario (prima delle modifiche) prevedeva un’aliquota ordinaria del 15% sul reddito determinato forfettariamente se non si fossero conseguiti ricavi o compensi eccedenti determinati limiti, individuati in funzione dell’attività svolta, compresi tra 25.000 e 50.000 euro. 
Sono stati, tuttavia, inseriti alcuni paletti all’ingresso; in particolare, non può aderire al regime:
• chi esercita la propria attività nei confronti dei datori con i quali vi siano in essere rapporti di lavoro, o lo siano stati nei due precedenti periodi d’imposta.
Sono, inoltre, esclusi gli esercenti attività d’impresa, arti o professioni:
• che partecipano, contemporaneamente all’esercizio dell’attività, a società di persone, ad associazioni o a imprese familiari;
• che controllano direttamente o indirettamente società a responsabilità limitata o associazioni in partecipazione, le quali esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.

E’ stata eliminata come causa di esclusione la percezione, nell’anno precedente, di redditi di lavoro dipendente o assimilati superiori a 30.000 euro. Il reddito imponibile per l’applicazione della sostitutiva si ottiene applicando ai ricavi/compensi il coefficiente di redditività, differenziato a seconda dell’attività esercitata (individuata con il codice ATECO).
Sul reddito determinato si applica l’imposta sostitutiva, pari al 15%.

Accesso al regime forfettario
PER CHI È GIÀ IN ATTIVITÀ
• Non serve alcuna comunicazione, il regime forfettario è il regime naturale.
Tali soggetti sono eventualmente obbligati ad inviare apposita comunicazione telematica all’INPS entro il 28 febbraio di ciascun anno, se interessati a fruire del regime contributivo agevolato.
PER CHI INIZIA UNA NUOVA ATTIVITÀ
• Comunicazione nella dichiarazione di inizio attività (Mod. AA9/12).

Uscita dal regime forfettario
PER VOLONTÀ DEL CONTRIBUENTE
• Opzione al regime ordinario, con comportamento concludente e con vincolo triennale. Si dovrà compilare il quadro VO della dichiarazione Iva.
PER LEGGE
• Per mancanza di uno dei requisiti o per il verificarsi di una causa di esclusione.

fonte:eDotto


1

Subscribe the Newsletter

Join to our newsletter in a click

Visita la nostra pagina per restare aggiornato in materia di lavoro

I Nostri Contatti

Lo Studio

via Xifonia 267, Augusta (SR) 

Email: studiomarinocdl@libero.it
Tel: 0931 521317

Lo Studio Marino CdL vuole essere un importante riferimento per tutti, privati ed imprese, che necessitano di una consulenza specifica in uno o in più dei diversi settori in cui lo studio opera attivamente.

Studio Marino CdL - P.iva: 01845600897

Create a website